Jessica Day è la mia chimera

New Girl è una delle serie TV che amo di più. Al suo interno ci sono tutte le caratteristiche che la fanno rientrare direttamente nella lista delle mie serie TV preferite: battute divertenti, ma mai troppo scontate; personaggi “macchietta”, ma non impossibili, durata perfetta per un binge watching da weekend e stile, tanto tanto stile. Ovviamente mi sto riferendo in particolare allo stile della protagonista, Jessica Day.

Non è obbligatorio filosofeggiare sempre, a volte una serie TV ti piace perché ti stanno simpatici i protagonisti oppure perché c’è una bella fotografia oppure (come in questo caso) perché la protagonista si veste bene. Sinceramente, questa volta, non sono necessari i miei sproloqui per lasciar intendere quali siano le caratteristiche che più amo di Jess. Dai solo un po’ di sproloqui. Non troppi, promesso!

Il suo singolare modo di ricercare la consolazione

E’ vero, una serie TV per quanto possa impegnarsi, non potrà mai essere paragonata alla realtà perché alcuni angoli della vita vengono ingigantiti o troppo sminuiti. Però New Girl non tramuta la realtà in qualcosa di impossibile che ti fa dire in continuazione “ma cos’è ‘sta roba!”. Il modo che Jess ha per ricercare consolazione, crogiolarsi in drammi e farsi qualche piantino è estremamente realistico. Ascolta canzoni a ruota che la emozionano, guarda film a ruota che la fanno piangere e beve del vino rosé. Ora, ditemi che non vi ritrovate! Io sì, molto!

Polka Dot e va tutto bene

Io ci provo a vestirmi non-di-nero, ma è più forte di me. Appena scelgo con cura i capi da indossare finisco per essere vestita sempre di nero. Però la mia sfilza di vestiti colorati li ho. Sono tutti lì che aspettano ansiosi di essere indossati ed essere portati a spasso. In questo Jess è perfetta. Ma avete idea del suo modo di vestire? I suoi outfit sono la mia chimera. Non è importante il colore. L’importante è che ci sia. Segue carrellata di outfit da “copiare”

 

In questi giorni ripenso spesso a Jessica Day, non perché io ne sia ossessionata, ma perché uno dei miei buoni propositi per il 2017 (all’epoca!) era stato quello di mettere da parte un po’ il nero per dare spazio a “colori”. La situazione per ora è tragica. Oggi è il 21 Marzo e io continuo a vestirmi di nero.

Lascia un commento