Settembre e il mio “rientro-non-rientro”

Lo so, lo so. Non si fa. Non è propriamente corretto ed educato “abbandonare” i miei lettori e il mio blog senza avvisare. E’ scritto in qualsiasi codice-etico-del-fare-blogging (che ovviamente io non rispetto!). Dai uso la carta ESTATE. Perdonata? In realtà sono anni che per me ESTATE non è uguale a VACANZA. Ma è semplicemente una stagione, a volte calda, che mi permette di passare qualche weekend al mare, ma continuando a lavorare. Capito no?

In questo periodo il web è pieno zeppo di post con i famosi buoni propositi che per alcuni combaciano con settembre. In realtà io non mi sono fermata quindi non ho sentito nessuno stacco particolare. E quindi non sento la necessità di elencarvi i miei propositi perché per me l’anno lavorativo non è ancora finito. Anzi! Dico ANZI perché per me i mesi passati sono stati un susseguirsi di progetti lavorativi, idee, studio, progetti lavorativi, idee, studio, idee, progetti lavorativi, studio, netflix, e così fino all’infinito.

Per questo a settembre, qui, non ci sarà nessun elenco di cose che vorrei fare perché continuerò a fare quello che sto facendo e sì mi prenderò una “pausa” (tra virgolette perché continuerò a lavorare, ma rallentando i tempi e -magari- visitando posti belli) perché sì me lo merito e perché sì ogni tanto fermarsi fa bene. In pratica mi prenderò una “pausa” quando il 90% delle persone che conosco riprendono i ritmi di sempre. E’ da anni che ho questa routine del “rientro-non-rientro” e mi gasa tantissimo. E vi assicuro che questa possibilità/scelta di andare in “pausa” quando gli altri tornano non è connessa alla mia nuova vita da freelance perché ho questa abitudine da anni. Per questo mi ritengo estremamente fortunata: ho la possibilità di staccare la spina quando gli altri la devono riattaccare.

Post breve, per dire solo che questi 40 giorni di pausa dal blog sono dovuti ad una massiccia dose di pensieri e progetti lavorativi che (SPERO!) mi diano una marea di soddisfazioni.

PS: per chi se lo fosse perso, una delle mie ultime ossessioni è Snapchat! Lì racconto le mie giornate, i miei pensieri sparsi legati al mio lavoro e qualche cosina in più su me. Insomma, sono anche lì con lo stesso nome di sempre –> fancymistake

 

1 commento

  1. Ciao Eleonora! Finalmente riesco a passare sul tuo blog (per la prima volta – perchè ti ho scoperto tramite momokoplush su snapchat ma dimenticando sempre di venire qui).

    E’ bello questo tuo rientro-non-rientro; è senz’altro un modo per affrontare questo “capodanno” con più calma e maggiore energia.
    Credo che una “carriera on-line” abbia bisogno di pause, sia per accumulare idee sia per staccare da un mondo intangibile ma comunque “reale”.

    Spero che le soddisfazioni arrivino presto!

    Alice

Lascia un commento